Intervista a Dario Tonani: un disco volante è finalmente atterrato a Lucca | Penne Matte

HyperHouse

Nuova intervista a Dario Tonani su PenneMatte. Lo stato di salute della SF italica è il centro della chiacchierata e Dario sottolinea come i tempi stiano cambiando:

Dario, com’è cambiata la fantascienza italiana con Internet?
Si è fatta meno autoreferenziale. Quello fantascientifico è sempre stato un ambito chiuso e con pochi sbocchi. Al di fuori delle riviste specializzate e delle grandi pubblicazioni, era difficile farsi conoscere. Con la rete e, soprattutto con i social, il genere si è allargato e oggi direi che, rispetto al passato, la fantascienza italiana sta vivendo un periodo fortunato. Prova ne sono i diversi autori tradotti all’estero.

Per quanto riguarda le tematiche, che cambiamenti si registrano?
La più grande novità è che ora ambientiamo le storie in Italia. Prima era impensabile. Ricordi la battuta di Fruttero & Lucentini? “Un disco volante non può atterrare a Lucca“. Non solo gli autori italiani ambientavano storie all’estero…

View original post 101 altre parole

Annunci

∂| HorrorMagazine | David Lynch presenta Mulholland Drive al 10° Lucca Film Festival

HyperHouse

Su HorrorMagazine la segnalazione del tributo che Lucca dà oggi al regista, artista in senso lato, David Lynch. Un premio alla carriera, visionaria e unica, che

David Lynch

ci restituisce una mente superiore a tutto tondo, capace di bucare le anguste barriere della nostra dimensione umana.

Durante il festival si potrà visitare la mostra “David Lynch. Lost Visions. L’indiscresto fascino dello sguardo” a Lucca fino al 9 novembre presso l’Archivio di Stato di Lucca in via Macelli 155,  (da martedi a domenica negli orari 10-13;  16-20) a ingresso libero.

I luoghi di svolgimento del Festival sono i seguenti: Cinema Centrale (Via di Poggio Seconda 36); Cinema Moderno (Via Vittorio Emanuele II, n.17); Auditorium S.Micheletto (via San Micheletto 3); Auditorium Fondazione Banca del Monte di Lucca (Piazza San Martino 4); Chiesa di San Francesco e Chiesa di San Franceschetto. Tutte le attività presso il Cinema Centrale e il Cinema Moderno saranno fruibili…

View original post 155 altre parole

OLE.01 Festival: il programma

N I G R I C A N T E

Ne ho già parlato mesi fa qui: si tratta dell’OLE.01 Festival Internazionale della Letteratura Elettronica (FILE). Ora che è uscito anche il programma al grido di “electrify your imagination”, abbiamo la possibilità di apprezzare la ricchezza dell’evento, unico per originalità, qualità dei contenuti e durata.

pdf programma: OLE.01 Festival Internazionale della Letteratura Elettronica

1617429_769989263044160_5707669432094245851_o

1465756_769989246377495_4448415738915263177_o

View original post

Barriera dissolta

HyperHouse

Riconosco le lettere dall’utilizzo intensivo del suono emesso durante il baccanale, ancora un istante e poi il paradigma in cui esisti diverrà sureale, percezioni della barriera che si dissolve.

View original post

“PARTITA DI ANIME” A ROMA IL 2 OTTOBRE | Giovanni Agnoloni – Writing and Travelling

HyperHouse

[Letto su Giovanni “Kosmos” Agnoloni‘s blog]

Giovedì 2 ottobre, alle ore 18,30, a Roma, presso la Libreria “Fahrenheit 451” (Campo de’ Fiori 44) presenterò insieme a Sandro Battisti, co-fondatore del Connettivismo, il mio libro Partita di anime (Galaad Edizioni), secondo atto della “serie della fine di internet”.

View original post

Stephen King: un divertentissimo riassunto di tutti i suoi romanzi in 140 caratteri

KippleBlog

Apparso originariamente su Lit Reactor e poi riproposto in italiano da Il meglio di internet, il seguente articolo presenta un divertentissimo riassunto di tutti i principali romanzi di Stephen King in 140 caratteri o meno. Per chi non li avesse letti tutti, attenzione agli spoiler!

Carrie (1974)
La storia di una ragazza coraggiosa con la telecinesi che fa l’ice bucket challenge durante il ballo studentesco.

‘Salem’s Lot (1975)

Uno scrittore combatte i vampiri.

The Shining (1977)
Uno scrittore combatte la famiglia.

Rage (1977)
Breakfast Club, ma con le armi.

The Stand (1978)
Una lunga pubblicità per i kleenex.

The Long Walk (1979)
Una leggenda che mette in guardia dalle palle blu.

The Dead Zone (1979)
Un uomo si sveglia dal coma e decide di assassinare un politico perché ha ucciso un cane.

Firestarter (1980)
Una lezione di 426 pagine sul perché i bimbi non dovrebbero giocare col…

View original post 635 altre parole

L’amplificazione

HyperHouse

Apprendo i tuoi argomenti dal complesso esteso sulle mefitiche vie della fuga, le fondazioni affondano nell’errore e ogni pietra psichica messa su si risolve in amplificazioni della distorsione.

View original post

Dalla Terra di Nessuno alla Terra di Mezzo

Il Tredicesimo Cavaliere

Tolkien e la Grande Guerra

“Nel terriccio della mente”. Con questa sua tipica frase J.R.R.Tolkien intendeva dire che i semi di idee, ricordi, impressioni, fantasie, suggestioni giacevano a fermentare e poi crescere e germogliare per dar vita a quanto scriveva, tutto plasmato dalla sua prodigiosa immaginazione. Il suo Mondo Secondario, teorizzato nella fondamentale conferenza (poi saggio)  “Sulle fiabe”, elaborata per rispondere all’accusa di escapismo lanciatagli contro dai critici progressisti dopo l’uscita de Lo Hobbit  nel 1937, nasce così.

DeTurris-WWILa Terra di Mezzo con la sua geografia, la sua cosmologia, i suoi popoli, i suoi protagonisti e i suoi linguaggi, ha quindi una origine lunga, tormentata e assai complessa, che può quindi essere interpretata in modi diversi a causa delle molteplici suggestioni che ne sono base, anche se le ragioni fondamentali della sua creazione, come Tolkien disse, sono due: linguistica e mitologica. Facciamo un esempio: Se si pensa alla descrizione di…

View original post 559 altre parole

Mentre sfogli

HyperHouse

Il movimento è appeso alle consuetudini misteriche del tuo operato, lasciando le catene degli annunci rutilanti sulle promesse mai mantenute del solfeggio mistico.

View original post

Parvenze di normalità

HyperHouse

Il controllo si sovrappone alle distanze occulte, quelle rese incoerenti dalle segnalazioni entoptiche dei tuoi sguardi, parvenze di normalità postumana.

View original post