Linguaggio animale: tutt’altro che semplice | OggiScienza

HyperHouse

Su OggiScienza un interessante articolo che indaga il linguaggio animale, trovando degli algoritmi espressivi di alta complessità; pensateci, la prossima volta che denigrate un animale o peggio, lo torturate o mangiate.

Ululati, cinguettii, miagolii e tanti altri: questi sono solo alcuni dei versi degli animali più conosciuti. Ma quanto è complesso il linguaggio animale? Numerosi scienziati da tempo stanno cercando di capirlo. Innanzitutto finora si pensava che tali sequenze vocali avessero caratteristiche profondamente diverse dal linguaggio umano; questo anche perché non si era mai riusciti a trovare passaggi evolutivi intermedi tra i due modi di comunicare. Da questi elementi gli scienziati avevano ipotizzato che le sequenze vocali animali, per quanto complesse, potessero essere ricondotte a un modello matematico-statistico, e in particolare alle catene di Markov. L’ipotesi era che la probabilità della singola unità di linguaggio potesse essere calcolata dalla storia di solo un numero finito di elementi precedenti. In…

View original post 198 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...