ISF 113 – scaffali di legno

mercoledì 31 dicembre 2014

ISF 113 – scaffali di legno

Data astrale. Quella di più o meno fine di una rotazione attorno a un sole, stabilita da convenzioni per motivazioni puramente illusorie ma forse con un senso nell’illusione.
Cosa si può postare in questa occasione se non un breve poema a tema? Ecco…
– – –
Scaffali di legno
coperti di polvere,
per tenere i ricordi
dei cent’anni passati.
Minuscole nozioni
per un po’ di sapere,
nel grande e ben più logico immenso,
che uno scaffale di legno
può contenere ben poco.

Dimenticato in un angolo,
roba vecchia e ammuffita
ricordata dai tarli,
fino al momento del macero.
Altri pezzi di storia
sugli scaffali di legno,
a prendere il posto
di quei ricordi lontani.
E di vero ed eterno
resta solo la polvere.
– – –
In effetti non so se è proprio a tema. Volendo ‘grattarci’ dentro e guardando nel profondo…
In ogni caso, internauti, tralascio tutte le odierne stereotipaggini d’occasione per un classico ‘la Forza sia con Noi’. Ci risentiamo in data a quattro cifre con numerazione aumentata di una unità.
Grazie per la vostra presenza su questa cosa che dovrebbe essere un blog.

Dario Tonani • “Vigilia da cani” e Buon Natale a tutti!

HyperHouse

Sul sito di Dario Tonani un suo raccontino in lettura estrapolato dalla raccolta 365 racconti di Natale, edita dalla Delos Books. Lo segnalo leggermente fuori focus, ma il periodo è sempre quello e il mood offerto da Dario è sempre eccellente.

Cani.

Merda!

La notte di Natale è perfetta per rubare. Ma non coi cani. Ho appena scavalcato il recinto e ora sono dentro. Stringo entrambe le mani sul calcio della pistola. Ci sono due teorie: 1) spari, e i cani se la svignano con la coda tra le gambe, fine della storia; 2) spari e i bastardi ti sono addosso, fine della storia.

Fa un freddo… bestia. Non mi va neppure di nominarla la carogna che ringhia a dieci passi da me. Sto gelando, paralizzato dalla paura. Non ho portato né polpette né croccantini. Solo carne fresca e palpitazioni a mille. Per una volta, fare il

View original post 240 altre parole

It’s what we do

HyperHouse

Quello che facciamoè uno splendido boost appeso sulle barriere dimensionali, sciolte abbattute da colpi di maglio psichico e psichedelico, continue sopraffazioni dell’inutile lasciando andare il fiume senza fine della coscienza.

View original post

Ricchezze nascoste

HyperHouse

Ho la sensazione di partecipare a lauto banchetto psichico, dove mostrare le ricchezze siderali di essenze inumane nascoste in ogni singolo atomo di consapevolezza in me.

View original post

Open Culture: più di 1000 ebook, audiobook e film gratuiti per iPad, Kindle & PC

KippleBlog

Open Culture è un progetto che mira a fornire una vastissima risorsa di ebook, audiobook e film gratuiti, scaricabili da chiunque su qualsiasi strumento digitale. La biblioteca virtuale di Open Culture contiene non solo i grandi classici della letteratura come le opere di Hemingway, Shakespeare e Dostoevsky, ma anche gioielli della letteratura contemporanea, senza trascurare la fantascienza con i romanzi di Dick, Asimov e altri. Open Culture offre anche dei corsi per imparare svariate lingue. Per accedere al sito basta cliccare qui.

View original post

∂| HorrorMagazine | Debbi (la strana) il booktrailer!

HyperHouse

Su HorrorMagazine la segnalazione del booktrailer del nuovo libro di Paolo Di Orazio, Debbi (la strana) e le avventure bipolari del coniglietto Ribes.

Il territorio della penisola si costella di cadaveri di bambini mutilati e seviziati. La firma dell’assassino è la limatura dei loro denti. I ritrovamenti presentano analogie coi racconti di Debbi, prostituta borderline, sul lettino dello psicanalista. I rapporti mercenari di Debbi la proiettano in un mondo astrale governato dal coniglio Ribes, che sembra replicare o anticipare lo scenario dei crimini. Per il maresciallo Vanacura, esperto in casi paranormali, non solo sarà quasi impossibile ricostruire il rebus di un caso destinato all’insabbiamento di Stato, ma sfiorerà solo una delle porte che l’inferno sembra voler forzare sul mondo.

View original post

Linda Ioanna Kouvaras – Loading the Silence: Australian Sound Art in the Post-Digital Age | Neural

HyperHouse

[Letto su Neural.it]

Si tratta di uno studio rigoroso di sound art in Australia, un prodotto di venti anni di ricerca che contestualizza principali eventi storici e teorie nei vari rami della musica sperimentale. Prendendo il paese come riferimento centrale l’autore contestualizza la storia locale parallelamente ai cambiamenti culturali in atto in altre parti del mondo. Vedendo il postmodernismo come un patrimonio fondamentale, esplora e collega i “significati” dei lavori di sound art analizzati, andando oltre le tassonomie e le specifiche tecniche. Questo viene poi incorporato in un notevole sforzo per unificare aree e diverse scene di là delle loro somiglianze tecniche o categoriali. Soprattutto consapevoli degli accadimenti del 1970 e della scena post-1970, che parlano di situazioni musicali cruciali come la CHCMH a Melbourne, l’autrice cerca anche di tracciare precisi riferimenti storico-culturali mettendo nella giusta luce le opere che incarnano specifiche interazioni sonore. Le narrazioni delle opere danno vita…

View original post 102 altre parole

Oltremuro, la silloge poetica di Alex Tonelli. Su Kipple.it

KippleBlog

È disponibile per il download Oltremuro, la prima silloge poetica di Alex Tonelli, tra le voci più Cop_oltremuroinnovative e sensibili del Connettivismo. Si inaugura così con quest’opera il mese connettivista di Kipple, in concomitanza col decennale del Movimento; rimanete in ascolto per le prossime novità.

La quarta

Parole incastonate in splendidi versi si alternano tra il Presente e un Futuro denso come la quotidianità, intrecciandosi con il Passato vissuto in più volute, come se fossero innumerevoli vite.

“Il Vecchio della Montagna suonò il campanello
nel momento esatto in cui la tazza scivolava
oltre il bordo del tavolo.
Una lunga nota sospesa nel trillo sino
al vago fracasso dei cocci infranti.
Andai per aprire ma un frammento
mi ferì il piede e il sangue rosso si mischiò al tè versato.”

L’autore

Alex Tonelli è nato nel 1977. Si è laureato in Filosofia con una tesi sul rapporto fra…

View original post 101 altre parole

∂| FantasyMagazine | Vita e neovita su Mondo9

HyperHouse

Su FantasyMagazine una splendida panoramica su Mondo9, l’universo creato da Dario Tonani. Un estratto:

Mondo9 è fatto di sabbia e rottami, rocce e acqua putrida, cime ghiacciate. L’uomo è presente ma non ha mai conosciuto o ideato l’elettronica: Meccanica rulez. Enormi cantieri fabbricano enormi navi su ruote, adatte a viaggi lunghissimi nel deserto tossico, dove l’uomo crede di avere sotto controllo la situazione ma si dimostra un anello molto fragile dell’eco-9-sistema. Chi vive (o sopravvive) all’interno di Mondo9? Animale, vegetale, minerale? La risposta è un misto di questa classificazione di genere, perché fra terra infetta e aria velenosa tutto si contamina. E si trasforma.

View original post

Nessuna entropia

HyperHouse

Seguendo i percorsi spostati sull’asse generazionale, trovi ancora poche suggestioni da espletare e ognuna di esse si rapprende ancora fantastica, come un’epifania mai esaurita, nessuna entropia.

View original post