Computers Watching Movies, films seen from digital entities | Neural

HyperHouse

[Letto su Neural.it]

“Artificiale” – e ne consegue una certa confusione – è un termine il cui significato si è evoluto nel definire le cose non naturali sino al distinguere anche cose più vicine alla natura. Questo sta portando a frequenti scontri culturali tra esseri umani e macchine, come “Computers Watching Movies” di Benjamin Grosser dimostra. Quest’opera d’arte mostra attraverso una serie di schizzi come un sistema di visione computerizzato vede una scena di un film famoso. Mettendo in discussione le differenze con noi come esseri umani guidati dal racconto, dalle storie personali e con diverse capacità di lettura dei canoni filmici, l’opera anche descrive uno scomodo punto di vista: un film appositamente costruito per catturare l’immaginazione di un pubblico umano visto da un’altra silente platea. Le emozioni, i simbolismi, le metafore e le associazioni casuali sono estranee alla macchina, che analizza i filmati soltanto nei suoi…

View original post 22 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...