DEUS IRAE

Buongiorno, Internauti. Sempre della serie ‘solo quelli che mi piacciono’, stavolta tocca ancora a Roger Zelazny con DEUS IRAE, un romanzo di fantascienza uscito nel 1976 in collaborazione con Philip K. Dick.

Incuriosito dall’accoppiata non da poco di autori, ho optato per buttare un occhio su Wiki, scoprendo che fu Dick a iniziare il libro una dozzina di anni prima insieme a Ted White (che non conosco), che si smarcò presto dall’impegno assunto e Zelazny subentrò nel progetto. In pratica l’argomentazione parte da un’idea che noi fantascientisti conosciamo bene e sotto le più svariate forme, partendo da questa situazione: catastrofe a concludere la terza guerra mondiale.

Due Chiese si confrontano su ciò e soprattutto su chi resta, sopravvissuti e mutati. Il protagonista si lancia in un viaggio a cercare ‘Deus Irae’, il dio della collera, e nel contempo si trova ad affrontare diciamo anche un percorso ‘quasi mistico, di ricerca interiore’. Nella devastazione globale incontra in ogni luogo esseri ed entità stravaganti, bestie mutanti, e via di questo passo, con il risultato di una narrazione visionaria, bizzarra ed estrosa.

Stranamente stavolta ho in pratica fatto una mezza recensione, farò in modo che non si ripeta. Non è da me.

Trovate la corrispondente pagina del blog su FB al link: https://www.facebook.com/marcomilanidiariodiunoscrittorepigro e su IG al link: https://www.instagram.com/diariodiunoscrittorepigro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...