IL GIORNO DELL’URAGANO

Buonasera, Internauti. Sempre della serie ‘solo quelli che mi piacciono’, vi presento il romanzo vincitore del Premio Kipple 2021: IL GIORNO DELL’URAGANO di Marco Scarlatti.

La trama in breve: Nel dedalo della multicittà, le multinazionali ‒ dopo la messa al bando dei sindacati ‒ sono dotate di confraternite con ruoli di supporto spirituale. Demetra, la Custode dell’Umanità Aziendale del colosso della Buna, scompare. Aveva appena scoperto la storia di suo marito, l’avvocato Leofreddi, con Marlena. Luca Colosimo, il Custode dell’Etica della Buna, viene incaricato di creare una giustificazione plausibile all’esterno. È l’inizio di un’indagine che somiglia molto a un viaggio iniziatico, fra terzine di Nostradamus, rivelazioni intime e la scoperta di una confraternita diversa da tutte le altre. Un percorso che porta il protagonista a riflettere sulla vita e su ciò che è diventata nel mondo pericoloso e contradditorio attuale, un messaggio allarmante su come l’ottica economica delle multinazionali sia diventata il paradigma che ha già soppiantato il potere delle nazioni, e che l’arte religiosa di raccontare favole sia già stata assimilata dal business, diventando narrativa.

È stata una lettura interessante, apprensiva, fuori dai canoni. Un’indagine composita in un sistema sociale prossimo evoluto narrativamente in modo veramente credibile, grazie soprattutto a un’ottima capacità dell’autore di renderlo comprensibile da subito e poi sviscerandolo con tempistiche perfette, anche se spero non ci sarà mai questo tipo di evoluzione. Odio le multinazionali, ma è solo il mio personale sentire. Resta che Scarlatti ha proposto un gran buon romanzo.

Consigliatissimo.

Trovate la corrispondente pagina del blog su FB al link: https://www.facebook.com/marcomilanidiariodiunoscrittorepigro e su IG al link: https://www.instagram.com/diariodiunoscrittorepigro

THE CORPORATION WARS: EMERGENZA

Buongiorno, Internauti. Sempre della serie ‘solo quelli che mi piacciono’, tanto per cambiare vi presento un Urania del gennaio 2022: THE CORPORATION WARS: EMERGENZA di Ken MacLeod. Autore di fantascienza scozzese, definito anche di genere techno-progressivo come in questo caso, terzo volume della serie TCW.

Lo stile di scrittura è ottimo, per i miei gusti personali, ovviamente. Le visioni, le sue capacità techno-creative, una modalità di raccontare complessa e comunque scorrevole, mi hanno lasciato un buon intento. Consigliato.

Vi lascio la quarta: Carlos ha perso la pazienza: con la Reazione che si arma per la conquista, le Corporazioni che commerciano con il nemico e la Direzione che pianifica di eliminare definitivamente i robot ribelli e i loro alleati, è costretto a combattere il fuoco con il fuoco. Tutto questo mentre nel profondo della roccaforte nemica, i robot liberi devono scatenare una nuova rivolta prima che il mondo intero crolli loro addosso. La battaglia incombe, e i robot devono prepararsi al conflitto che potrebbe interrompere la loro esperienza cosciente. Emergenza è l’ultimo capitolo della saga The Corporation Wars, un’epica avventura del futuro sullo sfondo di una guerra interstellare fra combattenti robotici, realtà virtuali e una strabiliante rivoluzione delle Intelligenze Artificiali.

Trovate la corrispondente pagina del blog su FB al link: https://www.facebook.com/marcomilanidiariodiunoscrittorepigro e su IG al link: https://www.instagram.com/diariodiunoscrittorepigro

LA VERITA’ DEI QUANTI

Buonasera, internauti. Se vi ricordate il sottoscritto è uno scrittore, quindi ogni tanto succede che arrivo anch’io a pubblicare qualcosa. Questa sera se mi permettete vi presento il mio ultimo nato.

LA VERITÀ DEI QUANTI di Marco Milani – Collana: non-aligned objects n. 8 Delos Digital 2023 – ISBN: 9788825424133

Un esperimento di racconto dove non è detto che le cose e gli eventi si chiudano alla fine.

Cos’è il reale? Davvero pensate che sia una quantità di eventi riconoscibili e perfettamente circolari, epigoni di una razionalità che tutto deve concludere? E se invece fosse un sotteso omaggio a qualcosa – qualcuno – che non c’è più, che magari usava il nome di un altro illustre defunto per sentirsi vivo e per continuare a mantenere vivo il predecessore?

Quanti, nella propria vita, hanno avuto la prerogativa di chiudere la gran parte delle porte rimaste aperte? Quanti MarcoMilani possono raccontare di sé, senza esserlo perché lo sono stati troppo e troppo a lungo?

Marco Milani è e-writer e scrittore principalmente di science-fiction, fantastico e horror. Redattore in Kipple Officina Libraria. Tra i fondatori del movimento Connettivista (con Sandro Battisti e Giovanni De Matteo) e della rivista NeXT. Fino al 2013 editore e curatore con EDS e webmaster di DOMIST – Letteratura e Pace, nel cui ambito ha collaborato con varie associazioni, editori, e-zines e siti. Finalista Premio Urania 2017. Premio Kipple 2014 e finalista 2017. Finalista Premio ShortKipple 2020 e 2021.

“La verità dei quanti” – https://www.delosstore.it/ebook/54781/la-veritea-dei-quanti/ (1,99€).

1950-1953 TUTTI I RACCONTI

Buonasera, Internauti. Sempre della serie ‘solo quelli che mi piacciono’, vi presento un bel tomo di 569 pagine made in Fanucci Editore, il primo dei quattro: del maestro (per me sicuramente) Richard Matheson, 1950-1953 TUTTI I RACCONTI.

Che diciamo di Matheson? Niente, tanto lo conosciamo più o meno tutti. Copio incollo soltanto le parole di Ray Bradbury, altro soggettino mica da ridere, che ne sintetizza l’importanza come autore: «Forse la caratteristica che più spicca in Richard Matheson è che nessuna etichetta è sufficiente per lui. E questo è solo un bene. Sia che scriva storie grottesche, horror, di fantascienza o fantasy, dà sempre vita a qualcosa che valica i confini del genere. Richard Matheson merita il nostro tempo, la nostra attenzione, e un grande affetto». Se mancasse qualcuno all’appello lascio il link Wikipedia tanto per … https://it.wikipedia.org/wiki/Richard_Matheson

Primo volume della raccolta di tutti i racconti di Matheson, dicevamo. Sono racconti in cui si trovano tutte le premesse per le influenze future di gran parte della narrativa poliedrica e ‘out of border’, dal fantastico alla SF passando per ogni intermedietà: sovrannaturale, orrore, bizzarrie, paradossi ecc. ecc.

Da leggere, e fine della storia. Il secondo è già pronto in lista, terzo e quarto al momento sono introvabili, ma quando ci sbatterò il naso…

Trovate la corrispondente pagina del blog su FB al link: https://www.facebook.com/marcomilanidiariodiunoscrittorepigro e su IG al link: https://www.instagram.com/diariodiunoscrittorepigro

TERRA DI SOMMARIA

Per la collana SpinOff di Kipple Officina Libraria, il romanzo Terra di Sommaria, di Marco Milani e Sandro Battisti. Formato ePub – Pag. 170 – 3.95€ – ISBN 978-88-32179-75-0

Terza puntata della saga ambientata su Turiya, il pianeta siderale che l’Impero Connettivo vuole annettere nel proprio sistema dimensionale. Sul corpo celeste, nel frattempo, prosegue la resistenza zen alle forze imperiali nel deserto di Sommaria. Il racconto è disponibile sul sito www.kipple.it e nei principali store online.

SINOSSI (Estratta dalla Premessa)

Turiya era un mondo posto ai margini dell’Impero Connettivo, un’entità dominatrice globale in grado di influenzare lo spazio e il tempo di interi settori del continuum dimensionale. Quando quel mondo fu creato, l’Impero egemonizzò immediatamente la sua influenza instaurando un corpo di monaci soldati, il Tecnoclero, che sotto mentite spoglie non riuscì tuttavia a prendere il pieno controllo del pianeta. Battaglie, insubordinazioni zen, apparizioni di entità superiori, incarnazioni di avatar attori di un altro impero, quello Romano; nel gioco di un mondo in cui spazio e tempo sono illusioni sensoriali, l’energia che ne fuoriesce continua a fluire in una lotta senza fine tra Totka_II, Sillax − imperatore alieno il primo, il suo plenipotenziario postumano l’altro − e l’Atmani che, con tutte le sue manifestazioni trascendenti, ha reso difficoltoso l’affermarsi imperiale, mentre le sabbie del vasto deserto di Sommaria coprono incessantemente con la sabbia finissima i sensi, le testimonianze, la vita stessa di chi vuole sopravvivere alla globalizzazione dell’impero più grande di ogni mondo conosciuto, motivo dell’umanità, degli imperi dell’età antica degli uomini, della postumanità.

LA QUARTA

Il pianeta Turiya, con il suo deserto di Sommaria, è ancora una volta teatro di guerre e conquiste, di lotte per i suoi nativi e per l’Impero Connettivo; il principe imperiale Totka_II e il suo plenipotenziario Sillax da una parte, i Sommariani, i simulacri di Antonio e Ottavia – coniugi legati a doppio filo storico con Ottaviano – dall’altra, costituiscono gli attori principali di un dramma della conquista, l’imperialismo che diventa trascendenza e si accorda con le ombre di ciò che il Passato proietta nel Futuro, un teatro connettivo che tratta le dimensioni come vere pur conoscendone la loro illusorietà; in questo scenario, può un predone diventare la forma di speranza più acuta per i nativi?

GLI AUTORI

Marco Milani è uno scrittore principalmente di science-fiction, fantastic e horror. Redattore in Kipple Officina Libraria. Tra i fondatori del movimento Connettivista (con Sandro Battisti e Giovanni De Matteo) e della rivista NeXT. Fino al 2013 editore e curatore con EDS e webmaster di DOMIST – Letteratura e Pace, nel cui ambito ha collaborato con varie associazioni, editori, e-zines e siti. Finalista Premio Urania 2017. Premio Kipple 2014 e finalista 2017. Finalista Premio ShortKipple 2020 e 2021.

Sandro Battisti è uno dei fondatori del movimento letterario Connettivista. A partire dal 2004 si è dedicato allo sviluppo di uno scenario comune a molti suoi lavori successivi, l’Impero Connettivo. Ha vinto il Premio Urania 2014 e il Premio Vegetti 2017 con L’Impero restaurato ed è curatore delle antologie di strano weird La prima frontiera (2019) e La Volontà trasgressiva (2021). È uno degli editor di Kipple Officina Libraria ed è curatore della collana anarcopunk ”Non-aligned objects” di Delos Digital e, sempre per la stessa casa editrice, pubblica i nuovi scritti dell’Impero Connettivo nella collana “L’orlo dell’Impero”. Scrive quotidianamente sul blog http://hyperhouse.wordpress.com.

  • su Kipple Officina Libraria:

http://www.kipple.it/prodotto/terra-di-sommaria-sandro-battisti-e-marco-milani/

MYA DI MONDO9

Buonasera, Internauti. Sempre della serie ‘solo quelli che mi piacciono’, vi presento l’Urania (speciale anniversario) di Dario Tonani: MYA DI MONDO9.

Uscito a metà 2022, l’ho già letto. E questa è la vera notizia, non che Tonani ha scritto l’ennesimo capitolo di una grande storia.

Il romanzo è l’abile scrittura di un autore al top dell’SF italica e non solo. Avventura e antitesi: vita e morte. Una sintesi a senso, ma che non rende la complessità di Mondo9 e la capacità del testo di farti entrare in assonanza con luoghi, persone, navi senzienti. Leggere di Mondo9 è anche un esercizio mentale, un’esperienza impegnativa: non si riesce a farlo scorrere stando tranquilli e rilassati, distratti. No: serve attenzione.

Consigliato, come sempre, Dario Tonani.

Trovate la corrispondente pagina del blog su FB al link: https://www.facebook.com/marcomilanidiariodiunoscrittorepigro e su IG al link: https://www.instagram.com/diariodiunoscrittorepigro

RED: IL PROCESSO

Buonasera, Internauti. Della serie ‘solo quelli che mi piacciono’ oggi è il turno di un Urania Jumbo, il n. 36 dell’ottobre 2022. RED: IL PROCESSO di Linda Nagata.

Strano ma vero, l’ho preso in lettura con tempi quasi umani. Mi aveva lasciato molto bene già il primo della trilogia (Red), e forse è il anche motivo per cui RED: IL PROCESSO ha saltato la fila d’attesa.

Il romanzo… Non è puoi aspettarti più di tanto in un ‘processo’ se non della ‘chiacchiera’, e la cadenza iniziale è piuttosto blanda. Ci sta. Passato il preludio obbligato della corte marziale ecco che si inizia a ragionare. L’accoppiata tensione-accelerazione si porta avanti, ripetendosi a ritmi cardiopalmici. Azione in stile Nagata, ‘military ambient’ riconoscibilissima, – un evento sensazionale dopo un evento apparentemente concluso – e un finale in linea: conclusione (apparente) e tutti i propositi aperti a situazioni ancora peggiori. Al prossimo libro, giustamente. E di sicuro lo comprerò e leggerò.

Conclusione: ottimamente Linda, narrazione intensa e veloce, coinvolgente allo stremo.

Trovate la corrispondente pagina del blog su FB al link: https://www.facebook.com/marcomilanidiariodiunoscrittorepigro e su IG al link: https://www.instagram.com/diariodiunoscrittorepigro

ESPERIMENTO DOSADI

Buonasera, Internauti. Quest’oggi vi presento l’Urania collezione 218: ESPERIMENTO DOSADI di Frank Herbert, uno tra i miei autori prediletti.

C’è un universo (tanto per cambiare) e, ovviamente, con i suoi bei personaggi. La (non) novità è che Herbert ha questa capacità di costruire pagine su pagine argomentando di collettività e istituzioni con quel suo modo corposo, brenso di filosofie che diventano sempre razionali man mano che la lettura procede, e genera comunque interesse. Prendendo il via la storia acquisisce, diventa intrigante e incuriosisce sempre più.

Per me è più che buono. Consigliato.

LA MACCHINA DEL TEMPO

Buonasera, Internauti. Quest’oggi vi presento un classico: LA MACCHINA DEL TEMPO di Herbert George Wells. Oltre a questo, il presente è un volume da ‘edicola’ (il primo della serie lo porti sempre a casa con 1-2 euro) ma editorialmente (RBA – The Classics Collection) un lavoro davvero ben curato. Al romanzo ‘principe’ si aggiungono 11 racconti, tutti HGW di ottima fattura e un paio di spunti notevolissimi.

La prima edizione è nel 1895. Mica… In SF si inizia a viaggiare nel tempo, in qualche modo, con un ‘aggeggio’ meccanico. La storia è affasciante, a momenti sorprendente. Enunciazione di concetti lungimiranti, l’avvicendarsi di eventi, una modalità di narrazione disinvolta e il sigillo evidente di un Maestro che ha improntato e lanciato un genere letterario.

Dire capolavoro è scontato. Chiamerò ‘La Macchina del Tempo’ un’opera dell’eccellenza assoluta.

Smisurato H. G. Wells.

Trovate la corrispondente pagina del blog su FB al link: https://www.facebook.com/marcomilanidiariodiunoscrittorepigro e su IG al link: https://www.instagram.com/diariodiunoscrittorepigro

SPETTRI

Buongiorno, Internauti. Sempre della serie ‘solo quelli che mi piacciono’, vi presento un libro DelosBooks da urlo: il vincitore del premio Odissea 2016, SPETTRI di Franci Co.

Titolo completo: Spettri e altre vittime di mia cugina Matilde (omaggio al fu Buzzati). Nome completo dell’autrice: Franci Conforti.

Spettri è il primo libro di ‘affermazione’ (a mia conoscenza) della mia autrice number one. Adoro Franci Conforti dalle prime pagine di Carnivori e mi si è creato un legame psico-mistico che non riesco a definire, procrastinato a seguire con le altre sue opere: Stormachine, Eden e il premio Urania ‘Spine’. Ancora non lo definisco questo legame, ma continuerò a leggere tutto quello che mi passerà per le mani di questa eccezionale narratrice.

Spettri non è SF, come i successivi che hanno invece consacrato Franci nel genere. Ne ho apprezzato la diversità, la scorrevolezza fuori dai canoni e ne ho assorbito la trepidazione fintanto sconfinavo nella narrazione.

In sintesi: bello, irreprensibile, consigliatissimo.

Trovate la corrispondente pagina del blog su FB al link: https://www.facebook.com/marcomilanidiariodiunoscrittorepigro e su IG al link: https://www.instagram.com/diariodiunoscrittorepigro
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: